Tempo di lettura: 2 minuti

NARDÒ – Non solo musica, visite guidate e percorsi enogastronomici alla scoperta del territorio. Come già avvenuto nelle scorse edizioni l’itinerante si propone di raccontare una terra, le sue bellezze e guidare gli spettatori verso una scoperta consapevole dei luoghi, e quest’anno lo fa con Vittorio Sgarbi. Sarà lui stasera con una lectio magistralis alle ore 19:00 in Piazza Salandra ad aprire a Nardò il terzo appuntamento del festival itinerante de “La Notte della Taranta”.

Critico d’arte, curatore di grandi mostre internazionali, scrittore, conduttore di trasmissioni televisive, professore, difensore dell’arte e della cultura. Grazie alla sua presenza l’itinerante affronta una riflessione storica, artistica e antropologica sulle radici della cultura europea relativamente al territorio salentino, con una lectio dal titolo “L’eredità greco-bizantina nella cultura europea”.

Contemporaneamente all’intervento di Sgarbi si terrà una visita guidata al centro storico di Nardò curata dall’Università del Salento, per far scoprire le bellezze di un borgo ricco di chiese, antichi palazzi e ville. L’appuntamento sarà alle 19:00 in piazza Salandra, la visita è aperta e tutti ma è gradita la prenotazione al 324.0594511.

Sarà ancora Piazza Salandra a fare da sfondo agli appuntamenti successivi della serata che proseguirà alle ore 21:00 con una delle principali novità di questa edizione, Pizzica in scena con l’intervento dei danzatori del Corpo di Ballo che offriranno agli spettatori una performance innovativa tra luci e specchi che riflettono l’incanto dei monumenti.

Protagonisti di Pizzica in Scena a Nardò saranno i danzatori: Cristina Frassanito, Serena Pellegrino, Stefano Campagna, Marco Martano, Andrea Caracuta, Lucia Scarabino, Mihaela Coluccia ed Alessia Toma.

Sempre alle 21:00, nella stessa piazza Salandra appuntamento con il concerto “Altra Tela” e la sua atmosfera intimistica sulle note dell’ensemble ligure Filippo Gambetto Trio, il primo dei gruppi provenienti da altre zone d’Italia e che il festival itinerante ospita per celebrare l’incontro della cultura salentina con quella delle altre regioni del nostro paese.

Filippo Gambetta (organetto diatonico) Sergio Caputo (violino) e Carmelo Russo (chitarra classica) propongono il progetto “Maestrale”, un concerto con un repertorio incentrato su melodie sia da ascoltare che da danzare. I tre musicisti liguri creano un connubio sonoro tra melodie da danza come polke, scottish, bourrée e i colori della rumba gitana e delle musiche nordafricane.

Alle 22:00, in via XXV luglio la sezione dei concerti Ragnatela chiuderà la tappa di Nardò con l’esibizione del Canzoniere Grecanico Salentino CGS e degli Aia Noa.

Commenti