Tempo di lettura: 1 minuto

S. CRISTINA (BZ) – Per i tifosi del Lecce è il “Modric del Salento” e la rete segnata l’11 maggio scorso (Lecce-Spezia 2-1), nel giorno del ritorno matematico della formazione giallorossa in Serie A, lo ha fatto entrare ancor di più nei cuori dei supporters salentini.

Con la certezza del rinnovo contrattuale che lo lega al club di via Costadura fino al 2023, Jacopo Petriccione è partito a cuor leggero per il ritiro precampionato di S. Cristina da cui oggi arrivano le sue dichiarazioni: “L’idea di confrontarsi nel massimo campionato non può che essere stimolante. Si sta lavorando nella maniera giusta, i nuovi si sono messi subito a disposizione e si stanno integrando velocemente. Se speravo in questa Serie A? Sinceramente ogni giocatore lavora per quello, è il sogno e l’obiettivo di tutti. Ci speravo di arrivare a questo livello ed ora, fortunatamente, ho questa opportunità. Per come ci fa giocare mister Liverani, privilegiando palla a terra, per me cambia poco se vengo schierato da play o mezzala. Con Tachtsidis nello scorso campionato mi sono trovato molto bene, lui ha qualità e palleggio. Il gradino tra Serie B ed A è molto alto rispetto a quello tra C e B. Bisognerà migliorare su tutto, secondo me, principalmente sull’aspetto fisico, sulla forza e sulle gambe. I nostri tifosi in questa avventura ci daranno sicuramente una mano, sanno che sarà un campionato in cui ci sarà da soffrire e sono sicuro che soffriranno assieme a noi. Durante tutto l’anno scorso ho potuto verificare il loro attaccamento alla maglia, che è enorme”.

Commenti