Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – “Michel Platini non è stato arrestato, ma è stato interrogato come testimone in un quadro giuridico voluto dagli inquirenti che impedisce a tutte le persone ascoltate di potersi consultare al di fuori del procedimento“.

Arriva in questi minuti la precisazione dell’avvocato William Bourdon, legale che assiste l’ex presidente dell’Uefa di cui nelle scorse ore era stato annunciato l’arresto a Nanterre da parte della polizia francese a seguito delle indagini legate a presunti episodi di corruzione attiva e passiva nell’assegnazione dei Mondiali di Calcio del 2022 al Qatar.

Platini ha risposto con serenità e precisione a tutte le domande -ha aggiunto l’avv. Bourdon- fornendo utili spiegazioni agli inquirenti. Non ha nulla di cui vergognarsi, è estraneo ai fatti ed è assolutamente fiducioso su quello che succederà dopo“.

Commenti