Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Questa mattina, nella sala del Consiglio del Rettorato di piazza Tancredi a Lecce, Vincenzo Zara, Rettore dell’Università del Salento ha incontrato, alla presenza dei dirigenti del CUS Lecce e del professor Luigi Melica, gli studenti atleti dell’Ateneo salentino di ritorno dai Campionati Nazionali Universitari, che si sono tenuti a L’Aquila dal 18 al 26 maggio scorsi. Lusinghieri i risultati raggiunti. Gli studenti sportivi hanno, infatti, portato a casa ben 5 medaglie: due d’oro e tre di bronzo.

Dal 2017 l’Ateneo salentino si è dotato di un “Regolamento degli studenti atleti e delle associazioni sportive UniSalento” che prevede, tra l’altro, agevolazioni per gli studenti che praticano uno sport agonistico, svolgono un campionato di categoria regionale, nazionale o internazionale o sono stati convocati in una delle rappresentative nazionali CUSI o del CUS Lecce per gare e manifestazioni nazionali o internazionali. Tra questi, appunto, gli studenti partiti per i Campionati: ragazze e ragazzi che hanno gareggiato in specialità individuali o a squadre (atletica leggera, scherma, pugilato, tiro a segno, pallacanestro e calcio), iscritti ai corsi di laurea UniSalento dei Dipartimenti di Ingegneria dell’Innovazione, Scienze Giuridiche, Scienze dell’Economia, Studi Umanistici, Storia Società e Studi sull’Uomo e Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali e al CUS Lecce.

Durante l’incontro, inoltre, è stato assegnato per il primo anno, su iniziativa dell’Unione Sportiva Lecce e dell’Università del Salento, il premio “Miglior giocatore di calcio dedicato alla memoria di Mimmo Renna, ex giocatore ed allenatore storico leccese scomparso lo scorso febbraio. Il titolo è stato vinto da Daniele Lillo, capitano della squadra di calcio ed iscritto al corso di laurea in Economia.

Commenti