Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE (di Italo Aromolo) – Chi pensava di venire in vacanza nella tranquilla ed elegante Lecce non aveva messo in conto la possibilità di ritrovarsi nel mezzo della baraonda di caroselli di auto e bandiere che ha travolto la città per la promozione della squadra giallorossa in Serie A. Festa è stata anche per i turisti, spettatori occasionali della folleggiante serata leccese che ha trasformato un weekend di ordinario passeggio in qualcosa di unico.

Siamo arrivati in città dalla rotatoria nord – racconta Artur, arrivato da Orleans (Francia) con la moglie Celia  – ed abbiamo subito notato le macchine strombazzare e i colori giallorossi ovunque. Non capivamo cosa stesse accadendo e abbiamo dovuto cercare su Internet per capire che il Lecce era stato promosso in Serie A. È stato fantastico vivere quell’atmosfera e siamo molto sorpresi perché in Francia il calcio è qualcosa per teenager, ma ieri c’erano davvero tutti, vecchi e bambini, ricchi e poveri, intere famiglie. Pensare che grandi club come Napoli e Juventus verranno a giocare qui è qualcosa di importante e che la città dovrà tenere stretto“.

Per Adrian e Olivier, turisti francesi di Rennes, si è trattato della seconda festa in pochi giorni: “Due settimane fa il Rennes ha vinto la coppa di Francia contro il PSG e abbiamo rivisto la stessa gioia della nostra città nella promozione del Lecce: fumogeni,  colpi di clacson, bandiere e magliette giallorosse dappertutto. Alloggiamo nel centro storico e ci siamo goduti la festa dall’alto del balcone della nostra stanza. Sicuramente l’anno prossimo, quando guarderemo la Serie A, tiferemo per la salvezza del Lecce!

Michela e Federico, vacanzieri cagliaritani, hanno subito colto l’importanza di questa promozione per la gente di Lecce: “Parlando con le persone si percepiva un senso di rivalsa enorme, come se il Lecce fosse per ciascuno un qualcosa di proprio. Questa è la vittoria di tutti, una festa di popolo. Già alle 17, appena finita la partita, il centro era pieno e man mano che arrivavano le persone dallo stadio è stato un crescendo di entusiasmo. È stata una festa coinvolgente, a cui è stato bello partecipare: i fuochi d’artificio ci hanno stupito, come pure le vetrine dei negozi completamente colorate di oggetti e addobbi gialli e rossi e persino i cani erano agghindati di giallorosso. Aspetteremo la trasferta del Lecce a Cagliari, ricordandoci con piacere di questa esperienza che ha reso la nostra vacanza speciale“.

Commenti