Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Non c’è davvero pace per il tribolato mondo dei social e la situazione si acuisce quando si tratta di calcio e iniziative a favore di determinate categorie. L’ultima polemica in ordine di tempo è quella provocata dalla sottoscrizione di una convenzione tra l’U.S. Lecce e l’Esercito Italiano (avvenuta ieri), che garantisce ai militari di stanza nel capoluogo salentino di poter usufruire di uno sconto di circa il 30% sul prezzo dei biglietti per lo stadio Via del Mare.

Davanti alle accuse di privilegi ingiusti ed ingiustificati, sulla bacheca della società giallorossa è stata pubblicata più volte la seguente risposta: “Quella presentata oggi è solo una delle tante iniziative o convenzioni messe in atto dall’US Lecce. Da anni mettiamo a disposizione gratuitamente i biglietti per i disoccupati o riserviamo, in collaborazione con i servizi sociali, tessere stagionali, sempre gratuite, per chi non ha un reddito. Così come proponiamo vantaggiose scontistiche per gli studenti universitari, ospitando le scuole calcio durante le partite casalinghe. Quello che facciamo lo facciamo non per raccontarlo in questo post ma perché crediamo che il Lecce sia patrimonio di tutti. Con lo stesso spirito abbiamo inteso riservare una tariffa anche a quei militari o volontari in ferma prefissata, perlopiù leccesi, che molto spesso lavorano fuori sede“.

Commenti