Tempo di lettura: 3 minuti
Alberto Brignoli

BENEVENTO – Il Palermo conquista 3 punti di platino in casa del Benevento e a cinque turni dalla fine sorpassa potenzialmente il Lecce nella lotta al secondo posto del campionato forte della partita in più da giocare. La vittoria dei rosanero in terra sannita è stata decisamente propiziata da una prestazione maiuscola del numero 1 Alberto Brignoli, decisivo in almeno quattro episodi, importanti come le reti di Nestorovski e Puscas poi seguite dal 2-1 beneventano di Asencio.

George Puscas

Il portiere, ex dell’incontro, è stato ancor più protagonista in occasione del gol del temporaneo 0-2. Il capovolgimento di fronte che ha portato Puscas a tu per tu con Montipò è stato preceduto da una parata… disperata di Brignoli.

Su un tiro rasoterra di Coda destinato in rete, il 27enne ha respinto la sfera con il piede nonostante il corpo fosse proteso in tuffo nella direzione opposta. Una parata che, sommata ad altri interventi, ha annichilito definitivamente il Benevento che premeva fortemente l’area dell’undici di Stellone. In venti secondi, quindi, si è passati dal potenziale 1-1 allo 0-2 per il Palermo.

La parata di Brignoli contro il Lecce

Pensare ad Alberto Brignoli, per i tifosi del Lecce, porterebbe a riaprire il ricordo di un’altra partita da “saracinesca”, giocata dal classe 1991 proprio contro la banda Liverani al “Barbera”. Il punteggio finale era più o meno lo stesso (2-1) e il migliore in campo di quella gara era ancora Brignoli. Due prove che, ad oggi, fruttano almeno 4 punti in più al Palermo, decisamente proteso verso la Serie A diretta.

L’intervento di Brignoli su La Mantia

Sei giornate fa (era il 2 marzo), Brignoli stoppò quasi da solo il Lecce che, colpito inizialmente da Trajkovski, raccolse velocemente le idee e mise a dura prova la retroguardia palermitana, tenuta a galla ancora una volta dal suo portiere. Il copione somigliò a quello di oggi: Puscas implacabile sul raddoppio e gol subito nei minuti di recupero insufficiente a rimontare. Tabanelli ieri, Asencio oggi…

Se allarghiamo la forbice a Lecce-Palermo del girone d’andata, poi, l’allineamento degli elementi fa quasi paura.

Brignoli ferma La Mantia nel finale di Lecce-Palermo 1-2

I siciliani espugnarono il “Via del Mare” con il punteggio di 1-2. Le reti? Di Nestorovski (a segno oggi), Tabanelli (scorer nel ritorno) e… Puscas. Il romeno è l’uomo dei gol pesanti del Palermo, che dall’incubo societario dei mesi passati ora insegue un sogno.

E Brignoli? Fu decisivo anche allora. Dopo una lettura non ineccepibile sulla rete del Lecce, fu formidabile con una parata da urlo nel finale e con due uscite al limite dell’area che denotano sicurezza, visione di gioco e tecnica fuori dal comune.

Brignoli in uscita

Il Palermo vola e, al di là degli episodi, si gode le capacità di una serie di calciatori, dei fenomeni per il torneo di B, capaci di spaccare le partite in pochi secondi. Davanti spiccano Nestorovski, Trajkovski e Puscas, dietro le mani sicure di Alberto Brignoli risultano sempre più risolutive.

Commenti