Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Minuti di paura al “Via del Mare” al primo minuto di Lecce-Ascoli quando si è dovuto soccorrere Manuel Scavone.

In un fortuito scontro aereo di gioco con l’attaccante marchigiano Giacomo Beretta, il giallorosso ha ricevuto una botta al capo ed è rimasto privo di coscienza sul terreno di gioco.

Il dott.Congedo pratica per qualche secondo il massaggio cardiaco a Manuel Scavone (foto DAZN).

Necessario l’intervento del dottor Congedo e dello staff sanitario e paramedico per aiutare il centrocampista del Lecce rimasto a terra svenuto. Al calciatore è stato praticato il massaggio cardiaco per qualche secondo e, dopo un paio di minuti, l’ambulanza ha fatto poi ingresso sul prato. Sugli spalti, una lunga attesa carica di tensione ha contornato le operazioni di soccorso.

Prima del trasporto in ospedale per gli accertamenti del caso, Scavone ha ripreso coscienza e parlato con i sanitari giallorossi.

Le due squadre si sono riunite a centrocampo per discutere con l’arbitro Baroni e decidere se fosse il caso di giocare o meno. Nel frattempo, Baroni ha chiamato il designatore della Can di B per ricevere indicazioni, prima di far rientrare i giocatori negli spogliatoi. In quegli stessi minuti, il presidente Sticchi Damiani ha sentito il presidente della FIGC Gabriele Gravina e quello della Lega B, Mauro Balata che hanno espresso immediata solidarietà e vicinanza al Lecce ed a Scavone.

Commenti