Tempo di lettura: 1 minuto

OTRANTO – Questa sera, alle ore ore 19:00 con ingresso libero, nella Cattedrale di Santa Maria Annunziata di Otranto, appuntamento con 2019 in musica, concerto dell’Orchestra d’Archi del Laboratorio di Musica da Camera del Conservatorio di musica “Tito Schipa” di Lecce, da sempre impegnato nella promozione culturale e artistica sul territorio.

Un’iniziativa, nata grazie alla collaborazione tra Centro Studi Parlamento della Legalità-Lombardia, Conservizi e Conservatorio Tito Schipa e grazie alla concessione dell’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Otranto, per salutare il nuovo anno all’insegna della musica classica.

In programma, di Vivaldi, il “Concerto in Re maggiore RV 93 (F XII n.15) per chitarra e archi“, il “Concerto in La minore RV 497 (F VIII n.7) per fagotto e archi” e il “Concerto in Re minore RV 127 (F XI n.19) per archi“; di Bach, il “Concerto in Do minore BWV 1060 per violino, oboe e archi“; di Amoroso, l’ “Adagio appassionato per archi“; di Respighi, l’ “Adagio con variazioni per violoncello e archi” e, per dare un buon augurio per le festività in corso, in programma anche antichi brani tratti dal repertorio liturgico natalizio, di L. C. DaquinNoël X” e di Ippolito-Ettorre  la “Pastorale Tarantina“, che saranno eseguite sul moderno organo a canne dei Fratelli Ruffatti.

L’Orchestra, composta da quasi trenta elementi, è formata da Francesco Sabato, Miriam Baffi, Mariarita Durante, Ylenia Giaffreda, Naida Ingrosso, Anna Laura Leone, Alessandra Maglie, Fabiana Marasco, Noemi Puricella, Alessia Rausa, Irene Rizzo, Federica Urso, Flavia Avantaggiato ai violini, Fernando Toma, Benedetta Bisanti, Ennio Coluccia, Cristian Musio alle viole, Rosa Andriulli, Monica Altamura, Luca Basile, Serena Chiaravalle, Gabriele Musio ai violoncelli, Federica Cataldi all’Arpa, Leonardo Presicci al contrabbasso, Corrado De Bernart al cembalo, Daniele Federico all’oboe, Antonio Rizzato all’organo, Antonio Scarinzi alla chitarra e Giuseppe Spedicati al fagotto.

Commenti