LECCE – Lecce-Salernitana vista da un doppio ex: Giorgio Di Vicino che da giovane è stato un calciatore talentuoso, mentre oggi ricopre il ruolo di allenatore nel Settore Giovanile del Napoli. Alla vigilia della sfida di domani sera al “Via del Mare“, i colleghi di Salernosport24 lo hanno intervistato per farlo parlare della partita tra ricordi e valutazioni sul presente.

Ho un legame speciale con Salerno. Arrivai poco più che ventenne. Ho conosciuto tanti amici lì. Per me il granata ha sempre avuto un sapore particolare, è stato molto importante per me, come uomo e per la mia carriera professionistica. Nel 2002/’03 andai a Lecce in prestito. Il mister a Salerno era Zeman, mentre a Lecce conobbi Delio Rossi e per me fu subito molto semplice poiché, all’epoca, il gioco dei due allenatori era simile. Mi trovai molto bene, poi è chiaro che quando si vince va tutto bene, quell’anno infatti fummo promossi in Serie A“.

Parlando della prima uscita di Arrigoni e compagni contro il Benevento, Di Vicino aggiunge: “Non ho seguito la partita ma, dagli highlights e dai commenti successivi, mi sembra che sia una squadra già ad un buon punto. Certo è che in questo periodo dell’anno tutte le squadre non sono ancora entrate in condizione“.