Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE (di Italo Aromolo) – Il lupo giallorosso ha cambiato il pelo. La ristrutturazione della rosa del Lecce in sede di calciomercato estivo ha trasformato la formazione salentina da facile preda neo-promossa in una canuta creatura da combattimento con zanne affilate e saggezza nel sangue. Il diesse Mauro Meluso finora è intervenuto chirurgicamente con 10 operazioni in entrata, apportando quei correttivi di esperienza che permetteranno di approcciarsi al prossimo campionato senza ingenuità e con la giusta consapevolezza.

Stefano Pettinari

LECCE IN B: CALDERONI E PETTINARI AL COMANDO– Così si spiegano le 1718 partite che possono totalmente contare in Serie B i componenti della rosa giallorossa, che valgono un 12esimo posto nella classifica generale davanti a formazioni di storica militanza come Cittadella, Palermo, Perugia e Crotone. Tra questi l’evergreen è il terzino sinistro ex Novara Marco Calderoni con 285 presenze cadette, seguito da Stefano Pettinari fermo a quota 198: l’attaccante appena arrivato dal Pescara si piazza al primo posto per istinto realizzativo (35 gol). Ribaltando la lente d’osservazione sono solo in cinque i calciatori del Lecce che affronteranno la categoria per la prima volta in carriera: tra questi alcuni protagonisti indiscussi della promozione 17/’18 come Andrea Arrigoni, Andrea Saraniti e Davide Riccardi, ma anche comprimari in crescita come Gianmarco Chironi e Giuseppe Maimone.

LE ALTRE IN B– La formazione più esperta è la Salernitana con 2128 caps (+20% del Lecce), mentre come fanalino di coda troviamo il Cosenza con appena 335.

LECCE IN A: MANCOSU GOLEADOR– Nella classifica dell’esperienza in Serie A, ben più prestigiosa ma che può rivelarsi un boomerang per consunzione di stimoli ed entusiasmo, il Lecce occupa il quart’ultimo posto con 225 apparizioni, oltre la metà delle quali (131) portate in dote dal centrocampista olandese Thom Haye nel massimo campionato olandese. L’unico tra i giallorossi ad essere andato in rete nella Serie A italiana è Marco Mancosu, che in Ascoli-Cagliari 2-1 del 2007 ha incorniciato la gara della carriera con un gol all’esordio in maglia rossoblù.

LE ALTRE IN A–  Il Palermo dei vari Nestorovsky, Bellusci e Rispoli può vantare il maggior numero di lustrini nella massima serie (1529 presenze), mentre un Cittadella a trazione gioventù chiude la classifica con appena 21 presenze e nessun gol in Serie A.

Commenti