CONDIVIDI

LECCE – I più lo associano al mondo del pallone per i suoi trascorsi da difensore, tra le altre, con Juventus, Lazio, Lecce, Atalanta e Pescara ma, da un paio di giorni, Guglielmo Stendardo è entrato a far parte della vasta schiera di avvocati. L’ex centrale si è infatti laureato in Giurisprudenza presso il Link Campus University con una tesi in Diritto dello Sport sul doping in ambito sportivo dopo l’abilitazione alla professione forense conseguita nel 2014 a Salerno. Non un caso unico, visto che ci sono altri calciatori che hanno chiuso il percosro di studi con la laurea, un esempio tra tanti è infatti Giorgio Chiellini.

Qualche giorno fa, ha dato l’addio al calcio; Stendardo (classe 1981) ha appeso le scarpe al chiodo e si è dedicato alla sua nuova avventura professionale. Ma non vorrebbe discostarsi dal contesto che conosce molto bene. Questo è ciò che ha affermato in un’intervista alla Gazzetta dello Sport l’ex difensore del Lecce (stagione 2008/’09, 21 preesenze e 0 gol): “Punto a specializzarmi in Diritto Sportivo. Vorrei restare, ancora non so bene in che vesti, legato al mondo del calcio. Ma non escludo nulla. Adesso sono avvocato a tutti gli effetti e non lascerò mai questa professione, al di là di possibili esperienze contestuali nel calcio. Magari come dirigente o collaboratore tecnico. Un uomo è fortunato quando fa quello che gli piace fare. Abbinare calcio e avvocatura sarebbe il massimo”.

Commenti