Tempo di lettura: 3 minuti

lecce monopoliMONOPOLI- Al grido di “Nama salvè”, divenuto l’hashtag ufficiale e il marchio di fabbrica di questa stagione con obiettivo la permanenza in Lega Pro, il Monopoli carica la città e tutto l’ambiente in vista della partita con il Lecce, match che arriva dopo due trasferte dove il Gabbiano ha raccolto ben quattro punti imponendosi a Melfi e pareggiando sul campo della Paganese. La mini-serie positiva ha permesso alla squadra allenata da Massimiliano Tangorra di uscire dalla zona play-out, assentandosi al dodicesimo posto con 28 punti, 3 in più del Catania quattordicesimo. Nelle ultime quattro partite al “Veneziani”, il Monopoli ha perso tre volte, cedendo il passo a Benevento (2-3), Akragas (0-1) e Matera (0-2); tra le ultime due l’intermezzo della vittoria contro la Lupa Castelli Romani (2-0). Tra le mura amiche lo score totale, comunque, è tutt’altro che negativo: alle 5 sconfitte rispondono 2 pari e 4 vittorie. Anche in trasferta il Monopoli non si esprime malissimo, rispecchiando la posizione in classifica: 3 successi esterni (Lupa Castelli, Foggia e Melfi), 4 segni “X” e 6 sconfitte.

Mister Tangorra schiera i suoi uomini alternando più schieramenti, il 3-5-2, il 4-3-3, il 3-4-3 e il 4-4-2, modulo usato nella scorsa partita contro la Paganese. I punti fissi della squadra sono il bomber Antonio Croce, 9 gol in campionato, la seconda punta Giuseppe Gambino, impiegabile a destra in un tridente, il difensore e capitano Pasquale Esposito e il tris di centrocampisti Romano-Pinto-Luciani, duttili per assolvere ai dettami richiesti da Tangorra.

rosafio monopoli
Marco Rosafio, ora in forza al Monopoli

Il Monopoli potrà contare su due ex Lecce, uno arrivato a gennaio e l’altro nella città adriatica dalla sessione estiva di calciomercato. In inverno è arrivato Francesco Di Mariano, siciliano, ex asso della Primavera giallorossa che lasciò il Salento per vestire un altro giallorosso, quello della Roma. L’apporto di Di Mariano al Monopoli è stato importante: in 7 presenze ha già realizzato 2 reti. È fermo a 1 in 15 presenze (7 dall’inizio e 8 subentri) invece il bottino realizzativo di Marco Rosafio da Patù, salentino nato in Svizzera, in gol nella sconfitta esterna contro l’Akragas e chiamato spesso dall’allenatore per sbrogliare le matasse sulle corsie laterali d’attacco.

Oltre a Rosafio e Di Mariano, protagonisti dello spot organizzato dalla società monopolitana per chiamare la gente allo stadio, ci sono due altro ex, il portiere Alessandro Mirarco e il centrocampista Davide Difino. Mirarco, messo sotto contratto dal Lecce lo scorso anno e mai impiegato. Mirarco, neretino ed anche ex Nardò, ha cominciato la stagione con l’Ischia, scendendo in campo nelle prime quattro giornate per poi finire prima in panca e poi in tribuna. A gennaio c’è stato il passaggio al Monopoli, ma alla voce “presenze” c’è ancora uno zero: sette panchine e due tribune, tutte recenti (scorsa trasferta a Pagani e ultima partita casalinga col Benevento tre turni fa). Difino, brindisino classe 1995, ha percorso quasi tutta la trafila del settore giovanile del Lecce, intervallata con un anno in Serie D a Nardò, per poi concludere con la Virtus Lanciano. L’anno scorso il passaggio al Monopoli, squadra con la quale ha raccolto finora 15 presenze in Lega Pro dopo la promozione dello scorso anno.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.