Tempo di lettura: 2 minuti
Surraco
Juan Surraco

LECCE (di M.Cassone) – In sala stampa si è presentato per la prima volta Juan Ignacio Surraco, l’esterno offensivo uruguaiano che sta stupendo tutti per duttilità ed impegno da quando si allena con il Lecce; lui è uno dei colpi a sorpresa di Trinchera ed è arrivato in punta di piedi nella città dei due mari. È un classe 1987 che ha già giocato in Italia con le maglie di Messina, Udinese, Ancona, Livorno, Torino, Modena e Cittadella prima di ritornare in patria nel Tanque Sisley, ora si rimette in gioco e ricomincia dalla Lega pro con la maglia giallorossa.

Appare molto motivato – “Andai via dall’Italia per motivi familiari, appena si è presentata la possibilità di poter ritornare l’ho fatto subito con piacere. Questa per me è una grande possibilità e voglio fare bene. Negli ultimi due anni si sono verificate delle circostanze che non mi hanno permesso di esprimermi al meglio. Sono qui a Lecce perché è una grande squadra che non merita questa categoria; abbiamo la stessa voglia di vincere”.

Condizione fisica – “È importante per me stare bene, riuscire a trovare il top della forma, per questo sto lavorando molto, perché se raggiungo una buona condizione sicuramente riuscirò a dare il massimo in campo”.

Asta – “Mi piace molto il mister. Mi piace il suo metodo di allenamento, sedute brevi ma intense, e poi ci divertiamo pure. È uno che ci spiega tutto quello che vuole, è giovane ed ha la stessa nostra voglia di vincere”.

Juan Surraco
Juan Surraco

Lecce – “Mi hanno tutti parlato bene della città, noi siamo stati sempre in ritiro e quindi non ho avuto modo di girare molto, sicuramente avrò modo di visitarla. Quando ho deciso di accettare ho sentito Giacomazzi, mio compagno in nazionale, si è messo subito a disposizione per tutto e mi ha detto che a Lecce si sta benissimo, è stato gentilissimo. Come squadra invece il Lecce l’ho affrontato diverse volte perdendo (sorride, n.d.r.)”.

Lega Pro – “Non conosco questa categoria, ho avuto modo soltanto di vedere qualche partita in streaming l’anno scorso. I compagni mi hanno detto che è un campionato duro e che il più delle volte non serve nemmeno la qualità ma la quantità, ci vuole impegno e sudore; aggiungo che la differenza la fa un grande gruppo”.

Caratteristiche – “Ho giocato sempre come esterno d’attacco, sulla fascia, ma non ho problemi a fare quello che il mister mi ha chiesto in amichevole l’altro giorno, riesco benissimo ad operare dietro le punte. Mi piace fare gol ma non segno tanto, però riesco a fornire ottimi assist ai miei compagni”.

Tifoseria – “Tanto calore, tanti abbonamenti, i tifosi del Lecce sono fantastici, sicuramente saranno l’arma in più. Con una società così e con questi tifosi non possiamo che fare bene, non manca nulla per vincere”.

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.