Tempo di lettura: 2 minuti

Doodle MercatoreLECCE – Trovare qualcuno, al giorno d’oggi, che sappia immediatamente rispondere alla domanda su chi fosse Gerardo Mercatore (Rupelmonde, 5 marzo 1512 – Duisburg, 2 dicembre 1594) appare impresa assai ardua. Ad ogni modo, a rendere omaggio alla sua figura ci ha pensato Google che ha dedicato un doodle nella sua home page all’illustre cartografo. E sì, perchè Gerardo Mercatore, alias Gerhard Kremer, era un cartografo fiammingo del quale oggi ricorre il 503esimo anniversario della nascita.

Gerardo MercatoreGerardo Mercatore è stato un matematico, astronomo e cartografo molto conosciuto. Noto anche in latino come Gerardus Mercator, poi italianizzato appunto in Gerardo Mercatore, divenne celebre per i suoi studi nella cartografia e per aver inventato un sistema di proiezione cartografica che porta il suo nome (Proiezione di Mercatore).

A lui si deve, tra le varie mappe, quella in lingua latina intitolata: “Puglia Piana, Terra Di Barri, Terra Di Otranto, Calabria et Basilicata” del 1595. Si tratta di una descrizione cartografica originale dell’Italia meridionale ed insulare in scala singola e lineare della misura di cm. 46×34, più ampi margini. Una preziosa incisione originale che fa parte di: Atlas sive cosmographicae meditationes de fabrica mundi et fabricati figura. A detenerne i diritti è la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia.

Apuliae mappa MercatoreDi tale opera, di gran lunga la sua maggiore, fanno parte le carte della Gallia, del Belgio inferiore e della Germania, 61 in tutto (1585), poi quelle già citate dell’Italia, di Slavonia e Grecia, in totale 23 (1589); infine una terza parte, di 29 carte, apparve postuma nel 1595, a cura del figlio Rumoldo. Il successo di questo Atlas, che ha dato il nome a tutte le raccolte di carte geografiche moderne, fu enorme. Gerardo Mercatore, autore anche di opere filosofiche e letterarie, può considerarsi il riformatore della cartografia scientifica moderna, in quanto sistemò in modo organico tutto il vasto materiale esistente all’epoca, utilizzando anche largamente quello precedentemente prodotto dai cartografi italiani.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.