Tempo di lettura: 1 minuto

dibattito PD su CeranoSQUINZANO – Si intitola “Armiamo le parole” l’iniziativa che rientra nell’ambito del ciclo di incontri curato dal circolo cittadino del Partito Democratico, coordinato da Rossana Indiveri, che si svolgerà domani sera, alle ore 19:00, a Squinzano, presso il Centro Medex. Si parlerà dell’ingombrante presenza, nel territorio salentino, della centrale Enel a carboneFederico II” di Cerano che, secondo uno studio dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, è la diciottesima industria termoelettrica più inquinante d’Europa, la prima in Italia.

Tra i relatori figurano la parlamentare del PD Elisa Mariano, il vicepresidente del Consiglio Regionale, Antonio Maniglio, il segretario regionale PD Michele Emiliano, il Dott. Fabrizio Quarta (Registro tumori ASL Lecce), l’Ing. Giuseppe Pellerano, chimico industriale di Lecce, ed il prof. Giorgio Assennato, Direttore Generale ARPA Puglia.

Sarà un momento di discussione politica e medico-scientifica che si prefigge una duplice finalità: comprendere lo stato di salute del territorio salentino e di una comunità, la nostra, che da venticinque anni convive con uno degli impianti più inquinanti d’Europa ed individuare un percorso finalizzato ad ottenere (almeno) un ridimensionamento della centrale a carbone Federico II e la definitiva dismissione dell’impianto Brindisi Nord, venduto ad Edipower SpA, di cui Enel aveva promesso la disattivazione senza, tuttavia, rispettare l’impegno assunto.

È un tentativo per evitare che sulla centrale di Cerano e la sua storia infinita cada definitivamente il silenzio. E’ prevista la presenza di amministratori, cittadini e comitati per la decarbonizzazione del Salento. All’esito del dibattito verrà formulata una proposta da sottoporre (anche) al Segretario nazionale del Partito Democratico ed attuale Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.