Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – Marco Mancosu ha affidato ad Instagram dopo la cocente sconfitta contro il Parma, che ha sancito la retrocessione in Serie B del suo Lecce. Il centrocampista ha analizzato con un lungo post la stagione appena conclusa che, a suo avviso, non deve essere ridotta al solo risultato, anche se non è finita come i tifosi e tutta la squadra potevano sperare.

Al termine del match contro i ducali, a stadio vuoto, il cagliaritano insieme alla sua famiglia ha fatto il giro del campo sul manto erboso del “Via del Mare“, con aria visibilmente commossa per l’obiettivo fallito. Il numero 8 giallorosso ha voluto ringraziare staff, squadra e società per l’annata disputata.

Ecco il messaggio del capitano giallorosso: “Quanto fatto si riduce al risultato? Al bianco o al nero? Al giorno o alla notte? All’inferno o alla gloria? No, ragazzi, per me assolutamente no… Non la posso vedere così. Ridurre il tutto ad un obiettivo mancato? Non sarò mai e poi mai ‘schiavo’ del risultato finale. Sarò sempre ‘schiavo’ di un’attitudine e di una passione, dell’essere professionista ogni giorno della mia vita, del migliorarmi sempre, dello sbagliare cento volte e riprovarci altre cento, del prendermi responsabilità nonostante a volte siano più grandi di me. Ditemi, se è meglio rischiare ogni tanto un 4o in pagella per averci provato pur avendo sbagliato, o non provarci mai e non sbagliare? Grazie a tutti. Grazie alla società, grazie a mister Liverani e a tutti i supporters giallorossi, oltre ad un sentito abbraccio che voglio mandare ai miei compagni di squadra, questo è stato un anno, anzi, un viaggio meraviglioso e se retrocessione doveva essere, mi avete fatto vivere la retrocessione più bella della mia vita. Orgoglioso di tutti voi, ragazzi“.

Parole emozionanti di chi, nonostante tutto, vuole andare avanti, oltre la retrocessione, la salvezza solo sfiorata e le sconfitte rimediate. E chissà che l’U.S. Lecce non regali a Marco Mancosu la possibilità di continuare ad essere il leader di questa squadra anche in futuro

View this post on Instagram

Il tutto si riduce al risultato?Al bianco o al nero?Al giorno o alla notte?All’inferno o alla gloria?No,per me no.Per me non sarà mai così.Non voglio essere quel tipo di persona.Non sarò mai schiavo del risultato finale.MAI.Sarò sempre schiavo di un attitudine,di una passione,dell’essere professionista ogni giorno della mia vita,del migliorarmi sempre,dello sbagliare cento volte e riprovare altre cento,del prendermi responsabilità nonostante a volte siano più grandi di me!Cosa è meglio,rischiare ogni tanto un 4 in pagella per averci provato e aver sbagliato o non provarci affatto e non sbagliare?Nessun dubbio su questo!Grazie a tutti,società,mister,tifosi e compagni di squadra,è stato un anno e soprattutto un viaggio meraviglioso e se retrocessione doveva essere,mi avete fatto vivere la retrocessione più bella della mia vita. Orgoglioso di tutti voi.

A post shared by Marco Mancosu (@markixeddu) on

Commenti