CONDIVIDI

LECCE – Con i suoi 26 punti all’attivo il Racing Fondi è la penultima forza del Girone C di Serie C. La formazione laziale, che l’anno scorso si era messa in bell’evidenza da matricola grazie anche al binomio con l’Unicusano, in questa stagione sta vivendo non poche vicissitudini che l’hanno portata a non riuscire a ripetere il bel torneo disputato nel 2016/’17.

Il campionato era iniziato col divorzio dall’Università Niccolò Cusano che ha legato il proprio nome alla Ternana, in Serie B. Il sodalizio fondano aveva inizialmente puntato come allenatore su Giuseppe Giannini, ma l’esperienza con l’ex centrocampista di Roma e Lecce è presto naufragata. Giannini fu infatti esonerato per far posto al suo vice, Antonello Mattei, a sua volta defenestrato per provare la carta Stefano Sanderra.

Al calciomercato di gennaio le operazioni concluse videro arrivare in maglia rossoblù il difensore Stikas dal Panegialios, l’altro difensore Polverini in prestito dal Pisa ed il centrocampista Mangraviti dal Brescia, anch’egli in prestito. Invece, salutò il Fondi l’attaccante De Sousa, passato alla Viterbese.

Neppure questa soluzione ha però portato i frutti sperati e, la scorsa settimana, è stato ingaggiato l’esordiente Pasquale Luiso al quale il Racing Fondi ha affidato le proprie speranze (che tuttavia appaiono remote) di salvezza. La prima in Serie C da allenatore per il “Toro di Sora” è stata pirotecnica ed è terminata 4-5 allo stadio “Domenico Purificato contro la Paganese. Una sconfitta arrivata al 92°, dopo che i rossoblù avevano recuperato due gol di svantaggio, portandosi sul 4-4.

Domenica c’è la capolista Lecce da affrontare in casa sua e la formazione fondana lo farà senza poter contare sul centrocampista Flavio Lazzari e l’attaccante Angelo Nolè, appiedatin entrambi per 2 giornate dal Giudice Sportivo. Mister Luiso si augura di rivedere lo stesso spirito battagliero messo in campo contro gli azzurro-stellati e dare filo da torcere ai giallorossi che, invece, cercano il ritorno al successo davanti al pubblico amico che manca ormai dal 3-1 al Catanzaro a Febbraio.

All’andata la sfida tra rossoblù e giallorossi si chiuse sullo 0-0. Era il 25 novembre scorso e la gara in terra laziale fu segnata da un palo colpito da Radoslav Tsonev ed una bella parata di Perucchini su Simone Addessi (nella foto). Un’altra palla-gol clamorosa capitò sui piedi dell’ex Daniele Corvia che però calciò alle stelle da ottima posizione.

Commenti