CONDIVIDI

LECCE – Ieri abbiamo assistito, ahinoi, all’ennesima picconata data al già fatiscente calcio delle serie minori. Il caso-Bisceglie, con gli stucchevoli dietrofront del Prefetto della BAT sul far disputare il derby col Lecce a porte chiuse, salvo poi escludere solo i sostenitori salentini, rappresenta un ulteriore punto di non ritorno. Ed a raccogliere gli sfoghi, l’ironia e l’amarezza dei tifosi del Lecce che si sentono (giustamente) presi per fessi dalla surreale decisione di vietare la presenza nello stadio “Ventura di Bisceglie solo ai supporters giallorossi è il web, in particolare i social, dove si susseguono centinaia di post e di commenti alla notizia che ha tenuto banco nelle scorse ore.

Le fazioni si sono create anche in questo caso: c’è chi impreca contro il “Palazzo“, chi se la prende con l’Ad del Catania, Pietro Lo Monaco o ancora chi pensa che la dirigenza dell’U.S. Lecce non alzi abbastanza la voce nella stanza dei bottoni, lì dove si registrano da anni scelte improbabili, al limite della decenza. A fare però da filo conduttore tra i vari schieramenti c’è la convinzione che a pagare siano sempre e soltanto i tifosi giallorossi, quelli che non dormono alla vigilia delle partite della propria squadra del cuore, quelli che non badano a categorie o distanze pur di stare accanto alla formazione leccese quando questa scende in campo, quelli che mettono da parte affetti e impegni di lavoro pur di assiepare qualche fatiscente Settore Ospiti come tanti ce ne sono in questa Serie C che vuol dare un’immagine innovativa e fresca di sè, ma che nasconde la polvere dell’ipocrisia e dell’approssimazione sotto il tappetto.

E così non sorprende più che sia la passione per il Lecce a subire l’ennesima mazzata da parte di un sistema corroso dall’interno, non più in grado di gestirsi e ottemperare all’ordine ed alla sicurezza pubblica, usati come pretesto per giustificare l’incapacità di chi è preposto a garantirli e di una classe dirigenziale che si accapiglia per una poltrona, ma non assicura ad un tifoso (per di più tesserato…) la possibilità di occupare una poltroncina da stadio.

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteBisceglie-Lecce, Starace: “Una sceneggiata napoletana”
Articolo successivoBisceglie-Lecce, le probabili formazioni
Dal 1995 nelle redazioni televisive (Tele C 10, TV10, TopVideo, Canale 8, VideoSalento, TeleSalento e L'A TV) con conduzione di trasmissioni sportive, culturali, di telegiornali (Studio10News, 10News, Tg8, VS Notizie) e trasmissioni sportive (Fuoricampo, Bomber, Replay, Leccezionale TV), politiche (elezioni e referendum), sociali (Telethon ’97); programmi d'approfondimento e commenti d’eventi sportivi. Nella carta stampata, esperienze con: Il Corriere del Mezzogiorno, LecceSera, PaeseNuovo, Espresso Sud, CittàMagazine, Fuorigioco, L'Ora del Salento, Il GialloRosso. Dal 1999 al 2001 collaboratore fisso del sito leccesette.it Nel biennio 2002-2003 redattore de legiraffe.it Dal 2006 al 2009 direttore responsabile de “Il Picchio Magazine” Dal 2006 direttore responsabile del periodico sportivo “Il GialloRosso” edito dal Lecce Club Centro di Coordinamento; Dal 2006 al 2010 corrispondente dal “Via del Mare” di Lecce per Italia 7 Gold per “Diretta Stadio - Ed è subito goal!” Dal 2012 opinionista de “Palla prigioniera” su corrieresalentino.it Dal 2012 addetto stampa delle associazioni “Noi Lecce” e "Passione Lecce" Dal 2013 direttore responsabile della testata giornalistica Leccezionale Salento