CONDIVIDI

siracusa-lecce-1-3-azioneLECCE (di Gavino Coradduzza) – Chiamatelo come volete: schiacciasassi, rompighiaccio, martello pneumatico, tanto non cambia la sostanza. Il Lecce vincitore a mani basse sul campo di Siracusa pone una seria ipoteca sul risultato di fine campionato. Lo fa non soltanto in virtù del risultato numerico che di per sè (3-1) non lascia spazio a storcimenti di naso o distinguo; lo fa per via di una prestazione autorevole ed autoritaria che, scaturita dopo una serie di intoppi che hanno privato Liverani di Marino e Mancosu prima della partita e costretto lo stesso allenatore a sostituire per infortunio prima Di Matteo e poi Costa Ferreira, scardina ogni dubbio sulla dimensione dell’attuale Lecce! Ma vediamo, dall’inizio, come si èmsviluppata questo confronto…

Per immaginare che tipo di partita sarà Siracusa-Lecce occorre lanciare uno sguardo alla classifica ed una occhiata ai programmi e al blasone delle due squadre; ne viene fuori un quadro che lascia intuire che il confronto sarà, o dovrebbe essere, ad elevato tasso di qualità. Trascorsi i canonci primi dieci minuti di convenevoli (qualcuno li chiama di reciproco studio…) il Lecce si riversa in forze verso l’area avversaria e bussa ripetutamente (Torromino) fino a quando Armellino non trova il varco buono in un’area intasata di maglie azzurre e giallorosse.

siracusa-lecce-1-3-bisCome si diceva, in avvio Liverani si è visto costretto a ridisegnare il centrocampo a causa della indisponibilità di Mancosu, affidando inizialmente a Tsonev il compito di play avanzato. La squadra resta comunque solida, a dimostrazione del fatto che, oltre alla qualità dei singoli, è sostenuta da un concetto di “squadra’’ ormai maturo e ben consolidato. Per contro è il caso di dire che a stupire negativamente è il Siracusa, sotto di un gol, ma testardamente sbilanciato in avanti al grido “Avanti, miei prodi!’’ senza un minimo di attenzione e di prudenza… È pur vero che riesce ad imbastire un paio di situazioni imbarazzanti per Perucchini, ma è altrettanto scontato che, se perde palla a centrocampo e la palla scorre velocemente verso Di Piazza già in rampa di lancio, il risultato è scontato; ed infatti il cecchino giallorosso si invola palla al piede, brutalizza il portiere in uscita e con un sinistro morbido e preciso firma il due a zero. Al Siracusa non resta da fare altro che prendere atto dell’abisso qualitativo che separa le due squadre ed incrociare le dita… Il Lecce non dà l’impressione di essere pago del 2-0 e continua così a fare la partita alternando le pedine che di volta in volta si liberano pericolosamente al tiro.

siracusa-lecce-1-3-inizioRipensando agli intoppi del pre-partita (Mancosu) e agli infortuni già ricordati (Di Matteo e Costa Ferreiran sostituiti da Ciancio e Pacilli), si coglie la misura della dimensione del lavoro e dei risultati ottenuti da Liverani. Peccato che il Siracusa abbia scarsamente contribuito a nobilitare il tono estetico e la qualità complessiva della partita, altrimenti avremmo assistito ad una partita da serie superiore; ovviamente va bene anche così, anzi, va meglio…

Il Lecce del secondo tempo è ancora più puntuale e ordinato; verrebbe da dire che sia anche più “bello” di quello che ha decapitato il Siracusa: si giova della verve inventiva di Pacilli che con deliziosa maestria duetta ora con un compagno, ora con un altro; e non è a dire che tra i giallortossi, come accaduto in passato, faccia capolino la voglia di tocchettare con sufficenza; assolutamente no; è invece un Lecce sempre assiduo e pressante su ogni palla, ed infatti chiude la partita con il terzo gol che, per gli amanti dei vademecum e degli album di figurine, è un autentico pezzo di gran classe di Tsonev…

siracusa-lecce-1-3Tre a zero in trasferta e contro una avversaria accreditata di play-off, è risultato da squadra di indiscutibile personalità e qualità… Giunge anche il momento del gol della bandiera per il Siracusa, un bel gol di Catania, non c’è che dire, ma è una rete che sostanzialmente non modifica quanto il campo aveva già decretato. Di questa squadra, detto tra noi, ci si può fidare! Parola mia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here