CONDIVIDI

figcLECCE – Termina la protesta dell’AIC, ossia l’Associazione italiana calciatori, oggi di nuovo presente in Consiglio federale della Figc dopo aver disertato quello dello scorso 4 settembre. Il motivo della fine della protesta (erano a rischio sciopero le gare della prima giornata della serie C) è stata l’approvazione delle richieste dell’Aic nell’ultimo consiglio federale, vale a dire: anticipazione del pagamento del quarto bimestre con penalizzazioni da scontare nella stagione in corso, contributo straordinario al Fondo di Solidarietà, anticipazione del pagamento dello stipendio di giugno nel mese di agosto, equiparazione del regime fideiussorio per l’iscrizione ai campionati a quello previsto per il calciomercato. Presenti per il sindacato calciatori il Direttore Generale Gianni Grazioli, il vicepresidente Umberto Calcagno e il consigliere Simone Perrotta. Assente il presidente Damiano Tommasi per impegni internazionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here