CONDIVIDI

lucarelli-con-giocatori-cataniaCATANIA- Vincere per 3-0 uno scontro diretto, dopo una settimana arroventata da polemiche e silenzi stampa imposti dalla società non è roba da poco per il Catania di Cristiano Lucarelli che nella sala conferenze del ‘Massimino‘ racconta la sua serata speciale: “Sono arrabbiato per l’espulsione anche perché mi hanno offeso la mia mamma. Bene la prestazione della squadra nei primi 45 minuti, poi siano stati bravi a soffrire abbassandoci nella ripresa. È stata una grande prova di carattere e ho avuto una riposta da uomini veri da parte dei miei calciatori. Primo tempo giocato come con il Fondi e l’Akragas, con la ricerca degli spazi e tanti inserimenti, pressing altissimo con Lodi che andava subito su Arrigoni, ma dobbiamo migliorare sui cross perché attacchiamo bene la profondità, ma sbagliamo i lanci. Grande prestazione e grande risultato adesso pensiamo alla Virtus Francavilla. Oggi non ho caricato tanto la squadra ed ho detto che non si decideva il campionato. Il torneo di C si vince con la costanza di risultati. Il Lecce lo ritengo la squadra più forte del campionato, l’anno scorso hanno fatto ben 72 punti. Ho fatto giocare 23 giocatori su 25 e sono coerente con quanto ho detto sul gruppo. Le prestazioni di Marchese, Biagianti e Lodi? Beh, è più facile giocare in Serie A che in Serie C. Loro si sono calati alla grande nella parte, hanno giocato bene“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.