When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Catania, furia-Lucarelli: “Chi non fa quel che che dico io, fuori”

cristiano-lucarelliLECCE – Chi conosce Cristiano Lucarelli sa quanto sia sanguigno e senza peli sulla lingua. Lo conferma la conferenza stampa tenuta ieri dopo la sfida di campionato Casertana-Catania, nella quale non sono mancate parole di fuoco da parte del neo-allenatore rossazzurro dopo il ko rimediato dagli etnei che restano fermi a quota 1 punto dopo 2 giornate: “A me non frega nulla se si gioca a Caserta o al Barnabeu. Qualcosa sto sbagliando anche io. Con un po’ di cattiveria in più avremmo potuto vincere. Immaginate come mi sento. Non è stata la partita che avevamo preparato e che avevo sognato. Se avessi avuto una squadra di metà classifica sarei soddisfatto, ma allenando il Catania non ho molto di cui consolarmi“.

Lucarelli incitaLucarelli ha poi aggiunto: “Non abbiamo attaccato gli spazi come dovevamo. Non siamo stati feroci sulle marcature come avevo chiesto. Non abbiamo sfruttato la superiorità con gli esterni facendo i movimenti che avevamo provato. Nella prima mezz’ora sono state ignorate le mie disposizione tattiche. La partita era stata preparata in una certa maniera e le situazioni per mettere in pratica quanto studiato c’erano. Dobbiamo cercare, soprattutto in trasferta, di fare meglio. Abbiamo sbagliato passaggi facili anche con giocatori dalle doti tecniche importanti. Adesso bisogna intervenire; non guardo i nomi: chi deve rimanere fuori, per il bene del Catania, rimane fuori. Finché si fa quel che dico io, bene; chi non fa quel che dico io finisce a guardare le partite“.

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*