CONDIVIDI

sanderraLECCE – Il Lecce ha un tecnico da evitare a tutti i costi nei Play-off: Stefano Sanderra. L’attuale allenatore della Sambenedettese, che sfida domani il Gubbio nella prima fase degli spareggi promozione di Lega Pro (la vincente se la vedrà poi con Lepore e compagni), ha già incrociato il cammino con il Lecce nelle scorse stagioni e non sono precedenti beneauguranti per la formazione salentina… Il tecnico romano, classe 1967, che predilige il modulo 4-3-3 o, all’occorrenza, il 4-3-2-1, ha infatti incontrato il club giallorosso per due volte quando era alla guida di Catanzaro e Salernitana, ottenendo altrettanti successi. Il primo è datato domanica 1 settembre 2013, quando allo Stadio “Arechi” di Salerno i granata campani superarono i leccesi allora allenati da mister Francesco Moriero per 2-1. Fu il Lecce a passare in vantaggio con Fabrizio Miccoli al 26′, ma la reazione dei padroni di casa portò dapprima al pareggio di Ciro Ginestra al 41′ e quindi al successo con la rete siglata da Angelo Siniscalchi al 61′.

Il secondo incrocio pericoloso avvenne nel campionato 2014/2015. Il 28 marzo, allo Stadio “Ceravolo“, si affrontavano il Catanzaro ed il Lecce di Alberto Bollini in una gara che tutti i tifosi ricordano per l’infausta direzione di gara dell’arbitro Lanza di Nichelino che espulse Davide Moscardelli in avvio di match e poi ridusse i salentini in 8 per i cartellini rossi mostrati anche a Daniele Mannini, Gianluca Di Chiara (dalla panchina) e Checco Lepore. Le reti portano le firme di Andrea Razzitti al 5′, raddoppio di Leonardo Mancuso (anch’egli ora alla Samb, ma già acquistato dal Pescara) al 73′ e gol su rigore di Lepore all’87’.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.