When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Lecce, aria di play-off: cresce il malcontento

cosenza-lecce-inizioLECCE (di Pierpaolo Sergio) – In città monta un più che comprensibile malcontento dopo lo scialbo 0-0 di ieri del Lecce al “San Vito-Marulla” di Cosenza. Un senso di manifesta sfiducia pervade l’ambiente visto che in 93 minuti di gioco, i salentini non hanno trovato la maniera di perforare la porta difesa da Perina e si sono quasi accontentati di un punticino che è assai ben poca cosa dinanzi al 3-1 col quale la capolista Foggia si è sbarazzata della Paganese. Dopo il successo fortunoso a Catania, i rossoneri di Stroppa hanno mandato un’altra cartolina di saluto a Lepore e compagni, volando a +6 sulla squadra giallorossa ad ormai solo 6 giornate alla chiusura della regular season. Di contro, c’è un Lecce che fatica a mostrare il suo volto migliore e che si lecca ancora le ferite del netto ko allo “Zaccheria” che ha tarpato le ali ai giallorossi ed ai suoi tifosi.

lega-pro-sfondo-verdeDopo il triplice fischio di Guccini, lo spettro dei tanti temuti ed indigesti play-off  si è, insomma, palesato chiaro con tutti i suoi indecifrabili contorni davanti agli occhi dell’intero ambiente leccese, già scottato da tre partecipazioni alla lotteria degli spareggi negli scorsi quattro tornei di Lega Pro che hanno riservato soltanto amarissime delusioni al club salentino. Da queste considerazioni è più facile capire come nascono i mal di pancia della piazza che non avrebbe mai voluto partecipare ancora alla cervellotica post-season in cui i valori spesso vanno a livellarsi, con ogni gara che cela mille insidie. Ma oggi questo Lecce sembra la maggiore minaccia per se stesso. La squadra appare stanca, abulica e con poche energie per reggere un altro mese di campionato e poi tuffarsi anima e corpo nei play-off. La frattura tra tifosi e tecnico non si è mai sanata, nè appare in grado di ricomporsi proprio ora. Ecco perché l’arrivare al mini-torneo degli spareggi in simili condizioni alimenta ben poche speranze.

allenamento-lecceOggi, intanto, con una seduta pomeridiana riprende la preparazione del Lecce che è atteso dalla sfida infrasettimanale di campionato. Mercoledì, allo stadio “Via del Mare sarà infatti di scena la Juve Stabia, nel primo dei due consecutivi impegni casalinghio che i giallorossi dovranno affrontare e sperare di vinecere per mantenere accesa la pur minuscola speranza di riaprire il discorso promozione. Dal match contro le “vespe” passano molte chance di riuscirci, a patto di ritrovare la vena del gol sempre più inaridita nel corso delle ultime settimane. L’appuntamento è per le ore 15:30 nell’impianto sportivo cittadino, dove mister Padalino ha blindato l’allenamento, con le porte che resteranno drasticamente chiuse.

 

1 Comment

  1. claudio colonna 3 aprile 2017 Reply

    Sono evidenti le lacune di questa squadra, del mister e del diesse…purtroppo la scusa “del lecce ai leccesi” sta franando clamorosamente e le critiche sin qui sopite ben presto si muoveranno… Probabilmente i segnali erano evidenti, tipo la sontuosa campagna acquisti di gennaio, ma le critiche non si potevano muovere, anzi dovevamo sorbirci la bontà dell’acquisto di un tale Agostinone e la difesa di un allenatore mediocre… e all’orizzonte si profila il tornado dei playoff da affrontare con questi giocatori….

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*