2 Ottobre: la Festa dei Nonni, gli angeli custodi delle famiglie

nonniLECCE – Un giorno ufficialmente dedicato tutto a loro, ai nonni, almeno per chi ha ancora la fortuna di averne ancora accanto… Se si considera che l’età media in Italia si è notevolmente innalzata, ecco che i circa 18 milioni di nonni censiti in Italia possono giustamente vantarsi di essere la vera forza trainante per figli, nipoti e pronipoti. Un vero e proprio mestiere che però solo la vita insegna e che, quando è ricompensato da sincero affetto ed attenzioni per le lezioni di esperienza e saggezza che sono in grado di insegnare, ripaga i nonni dei sacrifici da affrontare per barcamenarsi in un contesto sociale tutt’altro che semplice, ma in cui una guida ed un disinteressato consiglio possono fare la differenza.

Si celebra oggi in tutta Italia la Festa dei nonni. La ricorrenza, introdotta nel 2005, è festeggiata il 2 ottobre, data in cui la Chiesa cattolica celebra gli Angeli custodi. Non a caso la figura dei nonni, nel corso degli ultimi anni, ha conosciuto una vera riscoperta e valorizzazione, in un’epoca in cui la crisi economica ha portato numerose famiglie a fare i conti con inattese ristrettezze che non garantiscono la possibilità di affidare i propri figli a baby-sitter, dopo-scuola, attività sportive o ricreative, affidandoli così alle cure dei più anziani, ben lieti di potersi sentire ancora utili e vitali.

Non è un mistero che i nonni rappresentano in questo periodo di incertezze e scarsa disponibilità economica una vera risorsa, un rifugio sicuro a cui rivolgersi per permettere ai genitori di lavorare senza il problema di chi debba occuparsi dei figli più piccoli. Sono i nonni che sempre più spesso e volentieri sono ancore di salvezza per i nuovi nuclei familiari. Grazie ai loro assegni previdenziali, o ai risparmi di una vita, riescono infatti a sopperire alla scarsità di denaro contante ed aiutano i figli a portare avanti le proprie famiglie, permettendogli di affrontare più serenamente questa fase di incertezza.

5
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*