When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Lega Pro: ribaltone e Paganese riammessa, ma…

Paganese stemma sfondo bluROMA – Quanto accade in Lega PRO ha davvero dell’incredibile. Fino a ieri sera pareva segnato irrimediabilmente il destino della Paganese, col Tar del Lazio che sembrava aver dato torto alla società campana che chiedeva, in ultima istanza, la riammissione nel Girone C della terza serie nazionale. Ora il ribaltone o, meglio, la lettura della sentenza del Tribunale Amministrativo del Lazio che ha competenza in materia e che scompiglia ulteriormente le carte del raggruppemento meridionale, iniziato domenica scorsa, fatta eccezione proprio per la gara della Paganese contro la Virtus Francavilla rinviata a data da destinarsi. Il club azzurrostellato resta al suo posto, almeno fino al 19 dicembre… Infatti, il ricorso presentato dai campani è stato accolto con riserva ed una nuova udienza è prevista solo in prossimità di Natale, ossia quando il campionato è vicino al giro di boa. Enorme la conseguente delusione tra le pretendenti al ripescaggio dalla Serie D, tra cui Nardò, Monza e Cavese. Nel centro salentino erano tali l’entusiasmo e la quasi certezza di sbarcare in Lega PRO che erano già state realizzate delle magliette celebrative.

paganese lecceLa Paganese chiedeva l’annullamento della decisione del Collegio di Garanzia dello Sport che aveva respinto, a luglio, il ricorso avverso il provvedimento del Consiglio Federale della Figc di mancato rilascio della Licenza Nazionale 2016/’17 e di conseguenza la non ammissione al campionato di Lega Pro. Il Tar ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Italo Rocco e Vincenza Gentilcore ed ha così decretato la “sospensione del gravato provvedimento di mancata ammissione al Campionato di Lega Pro 2016/2017; l’ammissione con riserva della ricorrente al Campionato di Lega Pro 2016/2017, fissando per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 19 dicembre 2016”.

Ecco il dispositivo completo del TAR del Lazio: clicca qui

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*