When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Lecce… punto e a capo

Andria-LecceLECCE (di Pierpaolo Sergio) – Solo un pareggio a reti inviolate per il Lecce in casa della Fidelis Andria nel derby dello stadio “Degli Ulivi“. I giallorossi non sfruttano l’ennesima occasione che le concorrenti gli offrono e perdono un posto in classifica, attestandosi ora al quarto posto, a quota 31 punti e col Cosenza che dovrà recuperare la sfida col Martina rinviata ieri per neve.

La capolista Casertana (in posticipo serale) conquista tre le mura amiche solo un punto contro un Catanzaro in inferiorità numerica. Il Foggia (secondo) sabato ha riagguantato solo in extremis allo “Zaccheria” il pari contro una Paganese che, alla fine del primo tempo, si trovava addirittura in vantaggio di due gol. Tra le squadre di testa solo il Benevento travolge sonoramente a domicilio il Messina e sorpassa i salentini scalzandoli dalla terza posizione.

Anche le altre tre reginette del Girone C insomma non vanno oltre il pareggio contro avversari, almeno sulla carta, più che abbordabili. A capitan Papini e compagni non riesce insomma di compiere quanto predicato in settimana e di vendicare la sconfitta patita nel match d’andata come chiedevano i tifosi. Mister Piero Braglia, il presidente onorario Saverio Sticchi Damiani ed il vice Corrado Liguori si sono detti più soddisfatti di questo punto, che di quello ottenuto sette giorni fa a Rieti.

Curva Nord Lecce-Benevento 20-12-2015Eppure, la piazza rumoreggia e sui social è un continuo scorrere del malumore dei supporters a cui non è piaciuto lo spirito assai poco battagliero e propositivo offerto dai giallorossi al cospetto della squadra di Luca D’Angelo. A far suonare campanelli d’allarme c’è l’involuzione tattica ed una manovra fin troppo asfittica che il Lecce accusa ormai da qualche settimana.

La sosta del campionato e le voci di calciomercato sembrano aver trasformato un gruppo che con l’arrivo di Braglia, tutto sommato, era stato sempre poco spettacolare, ma almeno concreto e capace di portare a casa successi che avevano riavvicinato i salentini alla vetta. Domenica si torna al “Via del Mare” dopo oltre un mese dall’ultima apparizione. Vincere con la Juve Stabia è l’unica ricetta per placare gli animi e tornare a sorridere.

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*