When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Helen Mirren: “Sono una contadina salentina”

Helen MirrenLECCE – Che l’attrice inglese Helen Mirren sia rimasta letteralmente ammaliata dal Salento non è più un mistero o una sorpresa. Eppure, il leggere che non perda occasione per ribadire quanto sia ormai radicato il legame tra lei ed il territorio della Provincia di Lecce non può che fare piacere a chi qui ci abita stabilmente. Lei possiede da qualche anno ormai una masseria nella zona di Tiggiano, una delle più pittoresche ed incontaminate del Tacco d’Italia. È lì che si dedica alla coltivazione del melograno e che si rifugia non appena gli impegni lavorativi glielo permettono. Ad ulteriore conferma del suo attaccamento al Salento, ecco cosa ha dichiarato: “È stata la mia prima volta che ho visto la luna piena tramontare dal mare a Marina Serra: è stata una cosa così bella che ho perso il mio cuore”.

Helen Mirren Woman in goldProprio nella presentazione del suo ultimo film “Woman in gold“, diretto da Simon Curtis ed in uscita il 15 ottobre nelle sale cinematografiche, la premio Oscar per la sua interpretazione di “The Queen“, in conferenza stampa rispondendo a una domanda proprio sulla sua masseria nel Salento ribadisce di avere 400 piante di melograno e che spera di riuscirne a commercializzare presto il succo. L’occasione è poi propizia per aggiungere che ama l’Italia, la gente, la cultura e di volerci trascorrere sempre più tempo della sua vita.

Il film in cui Helen Mirren è protagonista narra la vera storia di Maria Altmann, un’anziana donna austriaca trapiantata a Los Angeles che cerca di ottenere giustizia: 60 anni dopo aver lasciato una Vienna ormai annessa alla Germania, intraprende un’azione giudiziaria per rientrare in possesso dei beni indebitamente sottratti alla sua famiglia dai nazisti, tra cui il Ritratto di Adele Bloch-Baue, una sua zia, dipinto da Gustav Klimt, cui i nazisti cambiarono il titolo in “Donna in oro” (Woman in Gold).

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*