CONDIVIDI

MorieroLECCE – Francesco Moriero ha coronato il suo sogno: è lui il nuovo allenatore dell’U.S. Lecce. Un premio, un regalo che si è fatto e che la famiglia Tesoro gli ha fatto, una grande gioia personale, ma anche per i tanti tifosi giallorossi che lo hanno acclamato a gran voce allo stadio, sui social network, nelle trasmissioni televisive.

Il ritorno da titolare sulla panchina leccese è per il popolare Checco un po’ come sognare ad occhi aperti. Da wonder-boy con i biondi riccioli che incantavano gli avversari quando da giovanissima promessa faceva girare la testa agli avversari (chiedere ad Antonio Cabrini per informazioni…), a calciatore affermato prima nel Lecce e meritevole poi di giocare titolare anche in club prestigiosi quali Roma, Cagliari, Inter, Napoli o nella Nazionale italiana che tanto bene fece in Francia nel 1998, fino a tecnico avversario con il Frosinone.

Le tappe della vita e delle carriere di Moriero si sono così legate a quelle del Lecce calcio in un turbine sempre impetuoso di emozioni e sensazioni. L’episodio più eclatante risale alla stagione 1997/’98: allo stadio di “Via del Mare” si affrontavano il Lecce di Claudio Cesare Prandelli e l’Inter guidata da Gigi Simoni dei Ronaldo, Djorkaeff e, appunto, Francesco Moriero. Una gara in notturna in cui i giallorossi persero per 5-1, ma in cui si registrò una pagina da libroCuore. L’ex centrocampista dei salentini, nato e cresciuto calcisticamente tra le fila dell’U.S. Lecce, ebbe sui piedi la palla del quinto gol, ma tutto solo davanti a Lorieri, preferì passare la sfera al compagno tutto solo a pochi metri dalla linea di porta pur di non segnare al “suo” Lecce. Applausi a scena aperta anche da parte dei supporters giallorossi e addirittura qualche tiratina d’orecchie dall’entourage nerazzurro per non aver calciato in porta.

Ma quella scelta lo ha consacrato a vita quale beniamino del pubblico leccese ed oggi, a distanza di 15 anni, quando il biondo dei riccioli ha lasciato spazio ad un più maturo effetto sale e pepe, le strade di Moriero e del club che lo ha visto esordire nel calcio che conta si incrociano e si tornano a fondere. In bocca al lupo mister, anzi, meglio dire semplicemente… Checco.

Commenti
CONDIVIDI
Articolo precedenteI tifosi ammessi come parte civile nel processo sul derby “truccato”
Articolo successivoÈ record: 36 ore sul fondo del mare
Dal 1995 nelle redazioni televisive (Tele C 10, TV10, TopVideo, Canale 8, VideoSalento, TeleSalento e L'A TV) con conduzione di trasmissioni sportive, culturali, di telegiornali (Studio10News, 10News, Tg8, VS Notizie) e trasmissioni sportive (Fuoricampo, Bomber, Replay, Leccezionale TV), politiche (elezioni e referendum), sociali (Telethon ’97); programmi d'approfondimento e commenti d’eventi sportivi. Nella carta stampata, esperienze con: Il Corriere del Mezzogiorno, LecceSera, PaeseNuovo, Espresso Sud, CittàMagazine, Fuorigioco, L'Ora del Salento, Il GialloRosso. Dal 1999 al 2001 collaboratore fisso del sito leccesette.it Nel biennio 2002-2003 redattore de legiraffe.it Dal 2006 al 2009 direttore responsabile de “Il Picchio Magazine” Dal 2006 direttore responsabile del periodico sportivo “Il GialloRosso” edito dal Lecce Club Centro di Coordinamento; Dal 2006 al 2010 corrispondente dal “Via del Mare” di Lecce per Italia 7 Gold per “Diretta Stadio - Ed è subito goal!” Dal 2012 opinionista de “Palla prigioniera” su corrieresalentino.it Dal 2012 addetto stampa delle associazioni “Noi Lecce” e "Passione Lecce" Dal 2013 direttore responsabile della testata giornalistica Leccezionale Salento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.